Dimagrire camminando

È possibile dimagrire camminando senza dover necessariamente trascorrere ore ed ore in palestra a fare esercizi che sicuramente servono, ma che spesso scoraggiano le persone perché o non piacciono o sono troppo massacranti? Cosa succede quindi? Queste persone smettono di fare completamente qualsiasi tipo di attività fisica e assoceranno in concetto di “attività fisica” ad immensa fatica e noia!

Dimagrire camminando, oltre ad essere economico, è molto importante ed è una dolce attività fisica che fa bene al proprio corpo e alla propria mente! Se abbinato ad una dieta sana ed equilibrata, non ad una dieta proibitiva che può provocare seri danni al proprio organismo, camminare aiuta il metabolismo a bruciare calorie, a convertire i carboidrati, i grassi e le proteine in energia piuttosto che riserva adiposa. Il nostro peso, in sostanza, dipende dal rapporto fra le calorie consumate e quelle bruciate.

Seguendo questa attività fisica dolce, si riesce comunque a perdere peso, tonificare braccia, gambe, pancia e spalle, perché la camminata coinvolge quasi tutti i muscoli ed ossa del corpo, tonifica, migliora la postura e fa lavorare gli addominali.
 Inoltre si avrà un importante benessere anche agli organi interni e si troverà giovamento a livello cardiovascolare; camminare aiuta a ridurre i livelli di colesterolo ed evita la stipsi.

È ovvio che chi ha la possibilità di farsi una bella camminata all’aperto, soprattutto in zone verdi come i parchi, sentirà il beneficio anche dal punto di vista dell’umore, oltre che a sentire più tardi il senso di stanchezza.

Il tapis roulant può essere comodo per chi invece non ha un parco vicino, inoltre ha in più la possibilità di vedere le calorie consumate, la distanza percorsa e la velocità, però può risultare più noioso tra le mura di casa, ma basta armarsi di ingegno e ascoltare musica per motivarsi!

È importante ascoltarsi molto, iniziare e procedere in modo graduale, capendo e accettando i propri limiti, per poi superarli via via, sempre e comunque in modo equilibrato. In questo modo si evita di strafare e mollare dopo poco per scoraggiamento e conseguente mancanza di voglia!

Una passeggiata quotidiana di almeno 45 minuti può portare a bruciare circa 1300 calorie in una sola settimana. Si riesce a perdere peso facendo poca fatica, come una semplice bilancia pesapersone può confermarci. Pesarsi costantemente ci renderà più consapevoli e ci permetterà di trovare il giusto sprint grazie ai risultati raggiunti.

Diversi studi riportano che la maggior parte delle persone riesce a bruciare da 300 a 600 calorie durante una camminata di un’ora. Questo dato è ovviamente soggettivo, varia a seconda del peso e dal tipo di sforzo affrontato: camminare in modo più rapido e per periodi di tempo più lunghi aumenta la capacità di bruciare calorie.

Come detto sopra, è bene cominciare in modo graduale, magari iniziando con una camminata moderata di mezz’ora, per cominciare ad abituare il fisico; quando si sente che è il momento si aumenta velocità e tempo. Per entrare nell’ottica del movimento è fondamentale anche ,ed evitare di prendere la macchina per girare l’angolo.

Se c’è la possibilità, può essere piacevole raggiungere il negozio di alimentari, il lavoro, l’amica, direttamente a piedi, se relativamente vicini, oppure parcheggiando la macchina un po’ più distante o magari scendendo dal tram qualche fermata prima.
Una volta perso il peso sperato ricordatevi sempre che dimagrire camminando serve a preservare la vostra salute!

Random Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*
*