Mangiare lentamente fa bene alla linea

Ammettetelo: molti di voi divorano il cibo senza assaporarlo e gustarlo in maniera adeguata. In più, non hanno idea di cosa significhi mangiare lentamente. Male, malissimo. Una cattiva abitudine che danneggia la salute e la linea. Sapevate che la velocità di masticazione influisce sulla quantità di cibo che si assume? I ricercatori del Centro di Ricerca Nestlé (Nrc), che hanno condotto diversi studi in collaborazione con l’Università di Wageningen nei Paesi Bassi, ne sono certi.

MANGIARE LENTAMENTE AIUTA A DIMAGRIRE

Gli scienziati hanno analizzato la correlazione tra le caratteristiche di un pasto, la velocità di masticazione del cibo, il senso di sazietà e l’assunzione di nutrienti e calorie. Si è così scoperto che cibi più morbidi, ingeriti in grandi bocconi e sottoposti a pochi atti masticatori, hanno un tasso di assunzione al minuto maggiore dei cibi solidi. I cibi ingeriti in piccoli morsi e masticati per lungo tempo, invece, aumentano il senso di sazietà riducendo quindi le quantità di cibo assunte.

NO ALLA VELOCITA’

Andare di corsa è una pessima abitudine che spesso portiamo anche a tavola. La durata media di un pranzo è di soli 22 minuti. E se parliamo di giovanissimi, addirittura 1 ragazzo su 5 pranza in meno di 15 minuti. Basta con lo stress!

NOI MANGIAMO LENTAMENTE PERCHÈ…

Masticare bene e a lungo rende migliore la digeribilità: gli alimenti vengono pre-digeriti a livello della bocca, grazie all’azione della saliva, e arrivano più leggeri allo stomaco. Ma la lentezza riduce anche le probabilità di comparsa di reflusso gastrico. Inoltre, una pausa pranzo o la cena possono rappresentare delle occasioni importanti per socializzazione con i colleghi o comunicare con la famiglia a fine giornata.

ATTENZIONE ALLA SALUTE

Secondo una ricerca giapponese, mangiare rapidamente potrebbe causare lo sviluppo della resistenza all’insulina, l’ormone che il nostro corpo produce per far sì che gli zuccheri vengano assorbiti dalle cellule e si trasformino in energia. Se ciò non avviene in maniera corretta, aumenta il rischio di diabete o di problemi cardiaci.

Random Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*
*